martedì 15 luglio 2014

I miei film estivi

Quest'anno l'estate sembra proprio non voler arrivare, perlomeno a Milano, dove ogni giorno sembra che l'apocalisse sia dietro l'angolo.
Siamo nella stagione che corrisponde alla morte cinematografica: le case ne approfittano per far uscire gli scarti tra i quali talvolta può esserci anche un bel film. Un tempo perlomeno estate significava horror, adesso manco quello e se siamo fortunati ci tocca il solito fracassone di turno, quest'anno dovrebbe esserci infatti Transformers 4. Non vedo l'ora...
Per far fronte allo sconforto, ho deciso di stilare la mia lista dei "film da estate", pellicole leggere, anche un po' stupide ma perfette per una serata afosa in relax.

Ci piace ricordarla così
- Blue Crush: film forse forse non popolarissimo ma che ha comunque trovato il suo seguito. Ambientato alle Hawaii, racconta di una giovane stella del surf femminile e dei suoi problemi di cuore. Non è un capolavoro, ma è leggero, piacevole e non scade proprio nel massimo della banalità trattando l'emancipazione femminile. La protagonista è Kate Bosworth, ai tempi stella emergente del cinema, abbastanza brava e dalla bellezza molto americana, tant'è che anche Buzzfeed le ha dedicato un servizio http://bzfd.it/1sXOlPw.
Adesso è  nota per essere diventata soprattutto una skeletor fashion victim.



- Pirati del Caraibi- la maledizione della prima luna : blockbuster rivelazione degli anni dieci. Nessuno ci credeva, eppure si rivelò un grandissimo successo, seguito da numerosi sequel ovviamente più brutti. La storia vedeva il giovane fabbro Will Turner costretto ad allearsi con l'eccentrico ed inaffidabile capitan Jack Sparrow per salvare la bella Elizabeth dalle mani di pirati pericolosi e maledetti. Il film sdoganò definitivamente Johnny Depp, che con il suo Jack Sparrow divenne un idolo in tutto il mondo, e lanciò la carriera di Keira Knightley e di Orlando Bloom. Il primo episodio aveva una magia e un'intesa che purtroppo quelli successivi non sono mai riusciti a ripetere. Mi auguro di cuore che la smettano di spolpare e rovinare ulteriormente il franchise.


"Ma lo sai che ti facevo più stronza?"
- Adventureland: pellicola indie dal sapore vintage con protagonista Jesse Eisenberg, che interpreta il solito giovane impacciato che nell'estate dell'87 è costretto a lavorare ad un parco divertimenti. Stando qui, fa amicizia con i vari giostrai e s'innamora di Kristen Stewart, la solita giovane inquieta, ribelle monoespressiva. E' un film perfetto per i nostalgici degli anni '80 e la Stewart è anche stranamente più sopportabile del solito.





- Stand by me : film cult di formazione, forse uno dei miei preferiti. Racconta di quattro amici preadolescenti che partono alla ricerca di un cadavere in un giorno d'estate. Durante il loro tragitto, parlano delle loro vite, condividono le loro paure e le loro ansie per il futuro. Il film lanciò la carrierà di River Phoenix, fratello di Joaquim, giovane grande attore purtroppo scomparso troppo presto a 23 anni. Nel cast anche un giovane Kiefer Sutherland, il futuro tossico Corey Feldman e l'ex pacioccone Jerry O'Connell.


- Goonies: film cult per ragazzi, che si rivede sempre volentieri quando lo si trova in televisione.Il gruppo di amici si riunisce per cercare un tesoro di pirati nascosto. Il capo della banda è Sean Austin, il futuro Sam de il Signore degli Anelli e nel gruppo c'è anche l'allora immancabile Corey Feldman
. Di recente, è stato annunciato il sequel e già ho paura. Io capisco che non ci siano idee, ma perchè rovinare film?



Ehi ma quello sono io con l'Oscar!
- Fuori di testa: film cult adolescenziale scritto da un giovane Cameron Crowe pre-Almost famous e diretto da un'esordiente Amy Heckerling. Si tratta di una pellicola con ancora poco noti futuri premi Oscar come un Sean Penn in versione surfista biondo e fattone, e un Nicholas Cage creditato con il suo vero nome, Nicholas Coppola. Nel cast c'è anche una giovane Jennifer Jason-Leigh, oltre che Forest Whitaker e Anthony Edwards. Il film racconta di un gruppo di liceali del Ridgemont High, che vicini alle vacanze estive, sono in preda alle loro turbe amorose e ai problemi tipici dell'adolescenza. E' diventata un vero cult la scena in cui una giovane Phoebe Cates si spoglia a bordo piscina mandando in paranoia Judge Reinhold e un'intera generazione. Ai tempi dell'uscita la scena destò molto scalpore e fu censurata.



"Ancora uno e mi suicido"
- Venerdì 13: non ci può non essere un film horror in questa lista. Sto parlando del primo episodio della saga horror che vede Jason come protagonista. Il film mostra un gruppo di adolescenti in campeggio cadere uno dopo l'altro per mano di Jason. Lo spunto è nato da fatti realmente accaduti come ogni film horror che si rispetti, anche se il ruolo della madre doveva forse essere chiarito meglio.





"I'm not famous anymore"
- Transformers: forse mi dovrei vergognare eppure il primo blockbuster fracassone della serie mi è piaciuto. Sarà che mi è sempre stato simpatico Shia LaBoeuf, anche adesso che è diventato sociopatico, sarà che i film di Micheal Bay non mi hanno mai annoiato. Non lo so, ma il primo me lo sono goduto e lo rivedo sempre volentieri.




"La donzelletta vien dalla campagna..."


- Io ballo da sola:film di formazione firmato Bernardo Bertolucci con Liv Tyler. Tra i protagonisti c'era anche una Rachel Weisz allora piuttosto sconosciuta. Per quanto mi riguarda, questo film mi ha sempre fatto voglia di comprare un casale nella campagna toscana dove ospitare sempre un sacco di gente. Certo, se solo avessi i soldi...






- Tutti pazzi per Mary: film che ha lanciato i fratelli Farrelly come registi demenziali, che non sono più riusciti a ripetersi in termini di qualità. Non c'è una scena che non faccia morire dal morire nel suo essere politicamente scorretta e critica dell'ipocrisia americana. Filone che è stato poi ripreso con grande successo da Seth McFarlane e i soci Matt Stone e Trey Parker, creatori di South Park.





- Final Destination: l'uomo vs. morte. I protagonisti qui non hanno a che fare con una morte simpatica come quella dei Griffin con la voce di Lupin. Qui la morte, infatti, è stronza e coglie alla sprovvista.  La scena iniziale dell'aereo credo che abbia influito notevolmente sull'immaginario collettivo, io, ad esempio, ogni volta che salgo su un aereo penso sempre a questo film. Ci sono stati altri sequel ovviamente di cui si salva giusto il secondo.




- Il sorpasso: film estivo italiano per eccellenza. Il capolavoro di Dino Risi con Vittorio De Sica e Jean-Louis Trintignant. Si tratta di un film di formazione, di una commedia e di un dramma. Una lezione su come prendere la vita, assaporarla ed essere se stessi. Il suono del clacson è entrato nell'immaginario collettivo insieme a quello della General Lee di Dukes of Hazzard.